Elena Manzo







Elena Manzo
Professore ordinario di Storia dell'Architettura
elemanzo@libero.it

Elena Manzo (Napoli, 1964), architetto e storico dell’arte, è professore associato di “Storia dell’Architettura”, presso la Facoltà di Architettura della Seconda Università degli studi di Napoli, dove insegna “Storia dell’Architettura Moderna” e “Storia dell’Architettura contemporanea e del Design”. Nello stesso Ateneo è delegato del Rettore ai Dottorati di Ricerca e del Preside all’Internazionalizzazione.

Docente presso numerosi altri atenei italiani, attualmente insegna “Storia dell’architettura e delle arti” presso il Politecnico di Milano.

Revisore del Comitato di Indirizzo per la Valutazione della Ricerca (Civr Referee) del Comitato di Settore dei Beni Culturali del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è responsabile di progetti di ricerca in ambito nazionale. Componente del “Forum UNESCO University and Heritage” (da maggio 2009), Membro del Comitato di Settore Nazionale “Beni Culturali, Sviluppo Sostenibile, Pianificazione Urbana, Architettura e Management dei siti Patrimonio Mondiale dell'Unesco”, Associazione Italiana Fulbright (da giugno 2010), Membro di UNISCAPE, International network of Universities especially dedicated to the implementation of the European Landscape Convention (da dicembre 2010). Si occupa di storia dell’architettura moderna, con particolare attenzione alla cultura architettonica del Mezzogiorno d’Italia, in relazione alla pluralità dialettica Europa/Mediterraneo. A partire dal 2002 si interessa di architettura contemporanea con particolare riguardo alla Danimarca.

Vincitrice di numerose borse di studio nazionali e internazionali, tra cui quella dell’Accademia di San Luca, ha partecipato a congressi nazionali e internazionali, ha pubblicato su riviste specialistiche, ha organizzato e curato convegni nazionali, ha scritto saggi in volumi collettanei. Dal 2013 è Direttore della Collana Editoriale: "L.I.D.A. Laboratorio Interdisciplinare di Documentazione dell'Architettura" - Casa Editrice "La scuola di Pitagora", Napoli.

Tra le sue principali pubblicazioni:

La merveille dei principi Spinelli di Tarsia. Architettura e artificio a Pontecorvo, Napoli, ESI, 1997; Dal classicismo “ordinato” alla rivoluzione spaziale barocca, vol. VI, Napoli, ESI, 2004; Architettura danese contemporanea, Napoli, CLEAN edizioni, 2004; La trasmissione del modello. La Danimarca in età moderna, in G. Pigafetta, Storia dell’architettura moderna e dottrina mimetica dell’arte, Bollati Boringhieri, Torino 2007; Castrum Abbatis. Architetture e paesaggio tra i luoghi delle Sirene, in Atlante del Cilento, Napoli, ESI, 2009; Ernesto Nathan Rogers e la cultura architettonica scandinava tra le due guerre. Il caso della Danimarca, in Esperienza dell’architettura. Ernesto Nathan Rogers (1909-1969), FrancoAngeli, Milano 2013; Christof Marselis. Note a margine di un inedito libro di disegni, FrancoAngeli, Milano 2013; Tra sacro e profano: metamorfosi barocche nelle architetture di Domenico Antonio Vaccaro, in “Acta/Artis. Estudis d’Art Modern”, anno 2014, n. 2, pp. 13-24. E’ curatrice di volumi, tra cui Edicole sacre. Percorsi napoletani tra architetture effimere, CLEAN, Napoli, 2007; Architettura nella storia. Scritti in onore di Alfonso Gambardella, Milano, SKIRA, 2009, Il Palazzo della Prefettura di Ancona. Luoghi e protagonisti di un’istituzione, Massa editore, Napoli, 2010; "La città che si rinnova". Architetture e Scienze umane tra storia e attualità: prospettive di analisi a confronto, Franco Angeli, Milano 2013.